VOCI E SUONI DELLA NATURA DIFRONTE A SUA MAESTA' "LA MONTAGNA" PER ANTONOMASIA.

VOCI E SUONI DELLA NATURA DIFRONTE A SUA MAESTA' "LA MONTAGNA" PER ANTONOMASIA.
TRE CIME DI LAVAREDO

I viaggi più belli li faccio con la mia mente

.... quando girovago per uno spazio infinito e riapro gli occhi ritrovando attorno a me le persone che amo. Ogni volta una gioia immensa! Una sensazione indescrivibile, una ricchezza impagabile!

HOTEL VILLA SOLIGO

un oasi ai piedi dell'alta marca trevigiana.

venerdì 15 marzo 2013

Nuova Seat pagine Gialle.

Oggi, un nuovo viaggio, mi spinge a vedere da vicino un'Azienda Storica Italiana Seat Pagine Gialle. Un analisi ed una conoscenza dell'evoluzione del Brand e dei prodotti offerti in questi ultimi anni. Probabilmente le vicissitudini Societarie di Seat Pagine Gialle hanno "deviato" l'interesse più sull'aspetto finanziario che sulla bontà ed innovazione tecnologica che ha oggi in portafoglio Seat PG. Ho voluto quindi incontrare Amedeo Mattia, figura storica della Società Torinese, oggi uno dei migliori 5 Responsabili Commerciali di Seat PG, da oltre 20 anni all'interno della stessa Società. Ci siamo quindi scambiati alcune idee e discussioni che hanno rafforzato in me l'idea per cui l'Azienda Seat oggi possa essere il Partner ideale. Una local internet company che offre alle imprese un supporto a 360° per promuovere la propria attività su Internet,oggi indispensabile. 1-Buongiorno Mattia Seat PG Italia oggi è un’Azienda completamente nuova, “market oriented”, ci può spiegare quali sono i prodotti e l’innovazione che avete recentemente messo in campo? R)In un mercato in continua evoluzione, Seat PG Italia si posiziona come una società di marketing e consulenza multicanale con una importante presenza su tutto il territorio italiano attraverso consulenza e servizi di comunicazione e marketing innovativi, con un forte focus sul digitale, che supportano il tessuto economico italiano. L’azienda, infatti, studia e implementa soluzioni ad hoc per ogni singola impresa aiutandola a promuovere al meglio prodotti e servizi sul web e a costruirsi un proprio percorso evolutivo e di crescente consapevolezza sull’utilizzo dei canali digitali. Attraverso i Web Point, il network di web agency specializzate in comunicazione multimediale presenti su tutto il territorio nazionale, Seat PG Italia è in grado di affiancare imprenditori, liberi professionisti e artigiani ad aprire il proprio business al web, sfruttando tecnologie e servizi innovativi. Oltre alla realizzazione di siti internet e alla pianificazione di campagne online, l’offerta di Seat PG Italia per la comunicazione e il marketing digitale assicura alle imprese una serie di servizi aggiuntivi “chiavi in mano” che possono completare la promozione di un brand attraverso le tecnologie digitali. Per quanto riguarda invece l’area social nata con l’obiettivo di aprire anche alle piccole realtà italiane un’opportunità di dialogo con gli utenti e di visibilità del brand, le imprese hanno la possibilità sfruttare i meccanismi di condivisione tipici dei social network e di promuovere azioni di marketing virale, costruendosi una presenza qualificata e distintiva. Seat PG Italia, inoltre, affianca le aziende che vogliono affacciarsi nel promettente e complesso mondo dell’e-commerce con un offerta dedicata: con PG Shop e PG Expo le PMI possono lavorare in modo innovativo, ampliare il mercato di riferimento e allargare la loro base clienti, facilitando la commercializzazione dei prodotti. Data l’importanza del mobile nello scenario attuale, la nostra offerta conta su un ecosistema di applicazioni (PagineGialle Mobile, PagineBianche Mobile, 892424 Mobile e Tuttocittà Mobile) che rappresenta una fondamentale integrazione all’offerta di Seat PG Italia e consente alle aziende di raggiungere nuove fasce di pubblico. Un’altra area rilevante per la nostra offerta riguarda il couponing: attraverso una partnership con Glamoo, giovane società italiana attiva nel mobile SoLo (Social & Local) commerce e pioniera dei servizi mobile geolocalizzati, Seat PG è entrata anche in questo settore con un’offerta innovativa dedicata a tutte le attività commerciali delle province italiane. 2-I clienti Seat cresciuti con le “Directory cartacee” riescono veramente tutti a percepire la necessità di cambiamento nella promozione del proprio Business? R)Le piccole medie imprese che hanno saputo digitalizzarsi sono soddisfatte: hanno potuto verificare un aumento di opportunità di contatti e sperimentare quanto il web possa allargare l’area geografica del business. Quelle aziende invece che non hanno ancora colto le opportunità di business generate dal web soffrono maggiormente la crisi. 3-Ci può dare 3 primarie motivazioni per cui un’Azienda debba affidarsi a voi per la promo commercializzazione. R) Seat PG Italia opera sul mercato italiano in modo continuativo da quasi un secolo e quindi la prima motivazione per la quale un cliente ci sceglie è l’affidabilità. La nostra forza è poi testimoniata dai nostri numeri: con due miliardi di consultazioni all’anno dei nostri mezzi, 44 milioni di volumi (PagineBianche, PagineGialle e TuttoCittà) e 400 milioni di visite alle nostre directories online e a quelle mobile da sempre siamo in grado di garantire una capillarità che non ha eguali. Infine, continuiamo a sfruttare al meglio tutte le innovazioni tecnologiche che possono generare nuove opportunità di business per i nostri clienti: un valido esempio sono le nostre app che hanno superato i 4 milioni di download. 4-Con oltre 20 anni di militanza in Seat PG Italia ci potrebbe spiegare i vari Step che hanno portato alla ultima rivoluzione nell’offerta dei vostri prodotti. R) L’offerta di Seat PG Italia permette alle aziende di valorizzare il proprio business attraverso molteplici canali, da quelli più tradizionali, come carta e telefono, a quelli digitali come internet e i dispositivi mobili. Negli ultimi anni, infatti, abbiamo accelerato il processo di evoluzione che accanto al business directory – PagineGialle, PagineBianche e l’assistenza telefonica 892424 e 1240 - si espande attraverso i servizi internet per le PMI italiane, competitivi dal punto di vista della qualità e dell’efficienza, e con costi accessibili. Continuiamo a credere nelle potenzialità dell’integrazione dei nostri servizi ed il nostro obiettivo è quello di offrire alle aziende una consulenza di marketing e comunicazione a 360 gradi facendo leva su tutte le piattaforme disponibili, e in particolare sulle potenzialità della rete. Il futuro di Seat PG Italia è quello di essere sempre più un fornitore di servizi per le PMI e di essere parallelamente meno presente con i propri prodotti sui consumatori finali. Il nostro obiettivo è quello di portare i nostri clienti ad accedere alle migliori soluzioni possibili presenti sul mercato. 5-Voi avete anche delle Partnership/Collaborazioni con Società Leader del mondo Web: Google, Register, Glamoo ed altre, quali sono i veri benefici che avete riscontrato? R) La realizzazione di progetti al fianco di player di riferimento sul mercato digital ci permette di rafforzare la competitività delle PMI italiane e di cogliere le opportunità del web e delle nuove tecnologie, consentendo alle aziende italiane di essere maggiormente appealing sui mercati nazionali e internazionali. L’accordo con Google, Register.it e Poste Italiane nasce infatti con l’obiettivo condiviso di influire positivamente sullo sviluppo del sistema paese, attraverso il sostegno alle PMI italiane che sono parte integrante del sistema economico italiano. Intendiamo favorire l’approccio al web di tutte le piccole realtà che ancora oggi non sono digitalizzate, per offrire una grande opportunità di crescita a tutti i player economici del territorio. Anche la partnership con Glamoo rientra in questo contesto: grazie a questo accordo Seat PG Italia è entrata nel mercato del couponing presentando un’offerta innovativa e differenziante con grandi vantaggi sia per i consumatori che per lee aziende italiane: le attività commerciali e gli esercenti del territorio potranno contare sulle offerte geolocalizzate per raggiungere un bacino di utenti del territorio e, di conseguenza, potenzialmente molto interessati all’offerta. I consumatori, dal canto loro, avranno la possibilità di scegliere tra diverse offerte vantaggiose a portata di mano. 6 - Seat PG Italia, dal mio punto vista, non è ancora riuscita a “guarire” dal suo “atavico” limite e cioè quello di operare con tempi ancora molto lunghi, tipo Azienda Statale. State lavorando anche verso il miglioramento di questo ostacolo? R) In Seat PG Italia ci impegniamo per organizzare il lavoro e diversi processi in modo sempre più efficace, grazie anche all’uso delle tecnologie più innovative. 7-In questi anni, le continue vicissitudini Societarie, come sono state vissute da voi Operatori e veri rappresentanti di questo Storico Marchio Italiano? R) In un settore in forte evoluzione come quello in cui operiamo, Seat PG Italia si è evoluta passando da Directory a una società con un’offerta di servizi multipiattaforma rivolta alle PMI. In questi anni e nel corso delle diverse vicende societarie abbiamo sempre continuato e continuiamo a portare avanti il nostro business basato primariamente sul supporto reale ai nostri clienti, per portarli ad accedere alle migliori soluzioni possibili presenti sul mercato offrendo soluzioni complete e adatte a ogni esigenza. Insomma niente da dire, una Società assolutamente nuova e focalizzata allo sviluppo continuo di soluzioni da offrire alle Aziende Italiane nel mondo web. Dei veri e propri piani di comunicazione integrata che forse veramente nessun'altra azieneda oggi in Italia è in grado di proporre.
scritto da Alessandro Li Calzi

mercoledì 20 febbraio 2013

Marco Li Calzi in 2010 Missouri Governor's Cup Wine Judging.

We will talk soon also about travel in the world of wine. We are looking for routes, places and locations out of the ordinary ...all around the World.
scritto da Alessandro Li Calzi

mercoledì 13 febbraio 2013

Fitto, Formigoni e Orsi. Immagini di un declino Italiano senza sosta. (3).

Arrestato Orsi, capo di Finmeccanica Il gip: “Le tangenti filosofia aziendale” L’ira del presidente: “Atto devastante” Il presidente di Finmeccanica Giuseppe Orsi al centro delle indagini la vendita di 12 elicotteri al governo indiano: “Mazzetta da 51 milioni di euro”. L’accusa: corruzione internazionale. Con lui arrestati anche due intermediari. Domiciliari all’ad di Agusta Westland. In carcere il presidente di Finmeccanica Giuseppe Orsi. Ai domiciliari l’amministratore delegato di Agusta Westland Bruno Spagnolini. I carabinieri del Noe del colonnello Di Caprio e del capitano Rajola hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere e ai domiciliari disposta dal gip del tribunale di Busto Arsizio. L’INCHIESTA In tutto sono quattro le misure cautelari disposte dall’autorità giudiziaria. Oltre al presidente e amministratore delegato di Finmeccanica, Giuseppe Orsi, e all’amministratore delegato di Agusta Westland, Bruno Spagnolini, sono coinvolti anche gli intermediari Guido Ralph Hashcke e Carlo Gerosa. I due sono residenti in Svizzera e, per questo, è stata attivata la procedura di estradizione.. Si tratta dei due intermediari dell’affare Finmeccanica con il governo indiano, Guido Haschke e il suo socio Carlo Gerosa. L’accusa per gli indagati è corruzione internazionale. Al centro delle indagini la vendita di 12 elicotteri Agusta Westland al governo indiano. Secondo l’accusa per quella vendita - il cui contratto fu sottoscritto in Inghilterra l’8 febbraio del 2010 - fu pagata una tangente di 51 milioni di euro. La fornitura degli elicotteri fu pagata 556 milioni di euro. LA DIFESA Il difensore di Orsi, Ennio Amodio, parla di «provvedimento devastante» perché «decapita due aziende tra le più importanti» del Paese. «Ho sempre fatto l’interesse dell’azienda e del Paese», si difende Orsi, mentre il suo difensore definisce «irragionevole» e «autolesionistica» l’iniziativa della magistratura per le conseguenze che potrebbe avere su «migliaia di lavoratori»: «nessun illecito è stato commesso dall’ingegner Orsi». Il professor Amodio è convinto di aver dimostrato a sufficienza che non esistono tangenti. Per lui, inoltre, il fatto che nell’ordinanza di custodia cautelare non si parli di finanziamento illecito ai partiti, sta a significare che il capitolo Lega «è di fatto archiviato». Orsi è intenzionato a far valere le sue ragioni al più presto nell’ interrogatorio davanti davanti al gip. Lo farà forse già domani. L’ORDINANZA DEL GIP Il Gip di Busto Arsizio nell’ordinanza d’arresto per il presidente di Finmeccanica spiega che Giuseppe Orsi avrebbe intrapreso «contatti con ambienti del Csm per ottenere la nomina del nuovo dirigente dell’ufficio inquirente procedente e, dunque, per escludere dall’indagine il magistrato» che indagava sul suo conto. In sostanza, secondo l’accusa, il presidente di Finmeccanica avrebbe contattato qualcuno al Csm affinché venisse nominato in tempi brevi il nuovo procuratore di Busto Arsizio. Questi, a sua volta, avrebbe dovuto estromettere dall’indagine il procuratore applicato Eugenio Fusco, titolare del fascicolo su Giuseppe Orsi. Il giudice motiva l’arresto: la custodia cautelare in carcere per Orsi è «proporzionata alla gravità del fatto», «sicuramente neutralizza il compimento di ulteriori condotte corruttive» e «pone un limite...all’impegno con cui egli, in prima persona, si è attivato per impedire, ostacolare e svilire l’indagine». L’INTERCETTAZIONE Giuseppe Orsi, intercettato, «rivela il suo disincanto per la pratica tangentizia» e «il suo convincimento che la stessa sia un fattore naturale della pratica aziendale», scrive il gip di Busto Arsizio, che parla del pagamento di tangenti come di una «filosofia aziendale». Secondo il Gip nella vendita degli elicotteri all’India «vi fu corruzione di pubblici ufficiali indiani posta in essere dagli intermediari italo svizzeri» Haschke e Gerosa «con l’assenso della dirigenza dell’AgustaWestland, in particolare di Giuseppe Orsi e Bruno Spagnolini». Il Gip sottolinea inoltre che le «somme» sono state conferite «mediante un iniziale fittizio contratto di scouting per elicotteristica civile» e poi con «altrettanti fittizi contratti di ingegneria stipulati con le società Ids India e Ids Tunisia, che facevano sempre capo a detti intermediari». In particolare, scrive il giudice, Orsi e Spagnolini «quali corruttori» e Haschke, Gerosa e Cristian Mitchell (titolare della Global Service Fze con sede a Dubai e consulente di AgustaWestland) «quali intermediari», «promettevano ed effettivamente corrispondevano per il tramite dei fratelli Tyagi somme di denaro, non esattamente quantificate nella complessiva entità, al maresciallo Sashi Tyagi, capo di Stato maggiore dell’Indian Force dal 2004 al 2007...per compiere e per aver compiuto un atto contrario ai doveri d’ufficio». GLI INTERMEDIARI Secondo l’accusa, Orsi e Spagnolini hanno prima corrisposto ai due intermediari Haschke e Gerosa, «attraverso un contratto di consulenza tra Agusta e GOrdian Service (società riconducibile agli stessi), 400mila euro di cui 100mila venivano consegnati in contanti ai fratelli Tyagi». Successivamente hanno «stipulato contratti di ingegneria, con le società Ids India e Ids Tunisia, per fornire copertura al pagamento (tutt’ora in corso) di somme di denaro per remunerare i pubblici ufficiali indiani e gli intermediari Haschke e Gerosa, in un’operazione economica (l’acquisto di elicotteri da parte del governo indiano, ndr) che vietava la stessa previsione di compensi per la mediazione». Secondo il Gip, inoltre, «Orsi e Spagnolini corrispondevano al consulente Cristian Michel la somme complessiva di circa 30 milioni in parte destinati a sostenere l’attività corruttiva finalizzata all’acquisizione della commessa ed all’esecuzione del contratto». IL GRUPPO FA QUADRATO In una nota Finmeccanica esprime «solidarietà» a Orsi: «A fronte degli odierni provvedimenti giudiziari che hanno riguardato il presidente e amministratore delegato di Finmeccanica e l’amministratore delegato della società controllata Agusta Westland, Finmeccanica conferma l’ordinata prosecuzione dell’attività gestionale e il proseguimento delle iniziative in corso», si legge in una nota. «Finmeccanica esprime inoltre - conclude il comunicato - solidarietà al proprio presidente e amministratore delegato, con l’auspicio che venga fatta chiarezza in tempi brevi, ribadendo fiducia nell’operato della magistratura».
scritto da Alessandro Li Calzi